Sibilla e Tom sono due giovani innamorati alla vigilia delle loro nozze:
mancano 5 giorni alla cerimonia civile che celebrerà la loro unione.

A Offida, paese natale di lei, sono già arrivati gli inglesissimi parenti e amici stretti dello sposo,
amanti della cultura italiana ed intenti a scoprire le bellezze della regione che li ospita:
Le Marche.
Tom, meticoloso pianificatore, costantemente orientato verso il pieno controllo di ogni situazione,
ha accuratamente predisposto tutto per il grande giorno.
Ma non si può prevedere l’inimmaginabile.
La sposa esordisce con una richiesta sul filo dell’assurdo: bisogna cambiare matrimonio;
non più un matrimonio civile ma un matrimonio religioso.
Sibilla, le cui richieste possono sembrare eccessive e capricciose,
in realtà deve risolvere un complesso puzzle.

Nella casa di campagna dove viveva la nonna prediletta – che porta il suo stesso nome –
ha rinvenuto una foto del matrimonio di Sibilla.
La ragazza ha girato la foto e la nonna le ha lasciato un messaggio inequivocabile:

” Se così non farai, sciagura sempre patirai”

Tutto da rifare dunque,  con la vecchia Sibilla non si scherza:
in paese la ricordano come un personaggio autoritario, bizzarro e dai tratti magici.